LumA?

Diario di progetto

di Morena Macerata

http://heritagesofas.co.uk/?p=11827

Durante il mio percorso formativo ho vissuto situazioni di gioia, di dolore e anche momenti di stress. I primi giorni presso la bottega artigianale ero imbarazzata perchAi?? non sapevo cosa dire e anche Giacomo, lai??i??artigiano, era di poche parole. Col tempo lentamente le cose sono cambiate e abbiamo iniziato a condividere le nostre esperienze. Ho scoperto di lui, delle sue mostre e dei suoi quadri e gli ho raccontato dell’universitAi?? e delle mie aspettative di vita. A? stato cosAi?? che sono riuscita a comprendere quale grande persona e quale grande e umile artista sono racchiusi nella sua personalitAi??.
Abbiamo trascorso molte mattine a sperimentare le diverse tecniche di decorazione che utilizza nel suo lavoro artistico e mi ha fatto scoprire utensili e materiali che non avevo mai usato prima. Con il passare delle settimane e, dopo avere appreso le diverse lavorazioni, le possibilitAi?? e i limiti del materiale ai???ceraai???, ho iniziato a pensare alla mia idea di progetto .
Affascinata dai vari metodi di illuminazione utilizzati nei secoli passati e dalle forme impiegate in oggetti come candelabri, oliere e lampade, ho deciso di ricreare una candela diversa dalle altre ma che si rifacesse alla storia e al gusto degli anni passati. Studiando le caratteristiche dei portalumi, ho iniziato a schizzare alcune forme, fino ad arrivare a una soluzione che trasformava l’oggetto porta “cera” in un corpo unico con il materiale che, invece classicamente era posto all’interno dello strumento.
Trovata la forma del progetto abbiamo pianificato come andava costruito, stando attenti che non ci fossero sottosquadri e verificando che l’idea fosse effettivamente realizzabile. La cosa piA? semplice da fare A? stato riportare l’oggetto sul supporto per creare il modello; da ciA? abbiamo potuto constatare la pesantezza, l’ingombro e la resistenza. Il nostro dubbio iniziale riguardava l’altezza dell’oggetto: se troppo alto avrebbe potuto risultare instabile, mentre farlo basso significava renderlo meno elegante. CosAi?? abbiamo deciso di fare una prova di verifica. Dopo aver costruito lo stampo e aver realizzato la prima colata di cera siamo riusciti a strutturare l’oggetto vero e proprio. La nostra emozione A? stata fortissima nel vedere la mia idea realizzata. Con grande sorpresa si A? presentata proprio come la immaginavamo: una forma pulita, semplice ed elegante. La cosa che ci ha stupiti maggiormente, dopo aver fatto diverse prove, A? stato scoprire che la candela era stabile e non richiedeva adeguamenti in altezza!
Possedere lo stampo oggi agevola la riproduzione e la personalizzazione della candela che puA? essere facilmente riprodotta in diversi colori, decorazioni e materiali.

http://mindfulparenthood.org/diakof-delivery/ http://www.nygatan16.se/?p=8495

Vedi anche

Azienda

Mestiere

Condividi [LoginRadius_Share type="horizontal"]