R.I.A.M.A. – UN MODELLO PROGETTUALE

Alessia Di Clemente
Curatore del Progetto

http://paardenkennisbank.nl/?p=8858

Chi lavora con le sue mani A? un lavoratore.
Chi lavora con le sue mani e la sua testa A? un artigiano.
Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore A? un artista.

San Francesco d’Assisi

Lai??i??idea di R.I.A.M.A. Revival Innovativo Antichi Mestieri dai??i??Abruzzo nasce in risposta allai??i??Avviso pubblico Giovani Protagonisti, voluto dallai??i??Assessorato Politiche Attive del Lavoro, Formazione e Istruzione, Politiche sociali della Regione Abruzzo con determinazione direttoriale n. 12/DL del 21 febbraio 2012Ai??, la cui azione, al punto A, ha il fine di Ai??promuovere la conoscenza e il recupero tra iAi??giovaniAi??abruzzesi degli antichi mestieri legati alla tradizione localeAi??.
GiAi?? lai??i??anno precedente avevo ideato e curato per lai??i??Associazione Amici per Castelbasso il progetto A FUTURA MEMORIA, anchai??i??esso realizzato nellai??i??ambito di una politica regionale attenta alle nuove generazioni, che ha messo in comunicazione i giovani e la tradizione, impersonata dagli abitanti anziani di Castelbasso, piccolo centro della Provincia di Teramo. Gli ingredienti vincenti di questa prima iniziativa, che ha lasciato un segno profondo in tutti i partecipanti, anziani e ragazzi, sono stati: la relazione interpersonale, il dialogo tra generazioni e la trasmissione dei saperi. A questi stessi elementi, giAi?? intrinsecamente presenti nellai??i??Avviso di Giovani Protagonisti, ho scelto di aggiungere, nella fase progettuale di R.I.A.M.A., come peculiare fattore di novitAi??, la creativitAi??. Il valore di questo secondo progetto sta proprio nellai??i??aver individuato e coinvolto dei giovani creativi, tutti formati allai??i??UniversitAi?? Europea del Design di Pescara, per renderli custodi e preservatori dei mestieri tradizionali.
Il progetto R.I.A.M.A. ha realizzato, infatti, il trasferimento delle competenze maturate dagli artigiani nel corso della propria esperienza professionale a dieci giovani designer, con lai??i??apprendimento da parte di questi ultimi di attivitAi?? lavorative artigianali. Tale scelta ha pure il merito di aver restituito una visione moderna e innovativa delle attivitAi?? artigianali regionali, stimolando la creativitAi?? giovanile a una rilettura delle medesime, e creando in questo modo un riscoperto interesse delle nuove generazioni verso i mestieri di un tempo.
Il modello di riferimento per questa rilettura aggiornata, lo si evince dal titolo dato al progetto, A? il ai???revivalai???, termine che indica la ripresa di mode e forme relative a epoche passate, rese nuovamente e diversamente vive nel nostro tempo. Spesso il revival A? causato e incoraggiato dal mercato, ma sempre in base a sintonie reali tra ciA? che A? stato e ciA? che A?; implica, quindi, una rigenerazione o contaminazione dellai??i??elemento storico in base a un effettivo rapporto con il tempo presente. CosAi??, solo dopo unai??i??approfondita conoscenza della storia dei mestieri antichi e a seguito dellai??i??acquisizione del necessario e specifico ai???saper fareai???, dopo aver compreso e fatto proprie le abilitAi?? tecnico-manuali del mestiere, A? stato chiesto ai giovani creativi di interpretare la tradizione per compiere unai??i??operazione di revival sui vecchi mestieri, processo che ha dato vita a innovativi e moderni prodotti, immessi oggi sul mercato.
Nella prima fase del progetto, denominata ai???della FORMAZIONEai???, i designer hanno seguito lezioni mirate alla conoscenza della cultura artigianale regionale attraverso incontri di storia dellai??i??artigianato artistico locale e un percorso educativo dedicato alle produzioni tradizionali, che A? stato realizzato nel Museo delle Genti dai??i??Abruzzo di Pescara, a cura della Dott.ssa Adriana Gandolfi. Sempre nella fase iniziale, e con un occhio agli sviluppi futuri della loro professione, i partecipanti sono stati formati nel campo imprenditoriale dal Dott. Marco Fava che ha fornito loro competenze teoriche e pratiche rispetto alla creazione di microimprese artigiane, proponendo momenti di riflessione sull’economia locale. Inoltre un mirato aggiornamento nel campo delle nuove tecnologie, curato dai professori dellai??i??UniversitAi?? Europea del Design Angelo Bucci e Manuel Rosini, ha permesso agli studenti di utilizzare software di grafica a supporto delle pratiche artigianali apprese, e ha fornito anche le competenze necessarie per la gestione e lai??i??arricchimento futuro del sito web dellai??i??iniziativa. Infine, attraverso appositi appuntamenti formativi, i partecipanti sono stati preparati allai??i??accoglimento delle competenze e orientati per facilitare la comunicazione interpersonale con i tutor aziendali durante la successiva esperienza di Project Work. http://www.stylecommerce.com/write-my-paper/
Gli interventi formativi descritti, hanno fornito ai giovani una molteplicitAi?? di strumenti e conoscenze per comprendere il mutamento delle tipologie lavorative, delle esigenze sociali, economiche, personali e culturali allai??i??interno della produzione artigianale abruzzese.
Nella seconda fase del progetto, denominata ai???di PROJECT WORKai???, ogni partecipante ha seguito, individualmente o in piccoli gruppi, un periodo formativo di sei mesi in unai??i??azienda – sono state complessivamente coinvolte sette realtAi?? aziendali – individuata sulla base di reali interessi e propensione personale del giovane, al fine di imparare praticamente il lavoro artigianale.
Durante il periodo di project work ogni giovane ha appreso saperi tecnici e teorici e ha sperimentato la produzione artigianale specifica di quel mestiere attraverso la pratica e il confronto con lai??i??artigiano. Nellai??i??ultimo ciclo dellai??i??esperienza allai??i??interno del laboratorio artigianale, ogni designer A? stato invitato a ideare una rilettura creativa e attualizzata del mestiere, anche grazie alla collaborazione dellai??i??artigiano stesso, per la produzione di oggetti che oggi vengono messi in vendita attraverso il sito internet dellai??i??iniziativa.
La sartoria, la falegnameria, il restauro, lai??i??arte del ferro battuto, della lavorazione dei metalli a tornitura, del cuoio e della cera sono i mestieri rappresentati in questa prima edizione di R.I.A.M.A. Bisogna tuttavia ammettere che mancano nel progetto alcune attivitAi?? artigianali che sono un vanto e che hanno fatto la storia della produzione delle nostre province; penso, ad esempio, alla ceramica artistica del Teramano e alla lavorazione dellai??i??oro di alcuni centri nellai??i??Aquilano e non solo. Varie sono le cause di tali illustri assenti, la principale delle quali dovuta alla difficoltAi?? di coinvolgere alcuni artigiani in una iniziativa che implica necessariamente una generositAi?? professionale e lai??i??impiego di prezioso tempo lavorativo per lai??i??insegnamento del mestiere che A? alla base del progetto, in un momento storico in cui la crisi si fa sentire in misura maggiore proprio con le piccole realtAi?? produttive. Il fortunato esito di R.I.A.M.A., perA?, mi fa sperare che ci possa essere un seguito a questo modello operativo e che si possa in futuro metterlo in pratica con nuove figure artigianali e, perchAi?? no, in altri contesti territoriali. In tal senso sarAi?? un prezioso strumento questo sito web.
Obiettivo ultimo del progetto sin dalla sua ideazione, il sito www.riama.it A? stato realizzato con il contributo di tutti i partecipanti, artigiani e giovani, e raccoglie saperi storici, teorici e pratici recuperati attraverso le varie fasi del progetto.
Nellai??i??apposita sezione, i video tutorial documentano in modo semplice e immediato i passaggi necessari alla realizzazione di un prodotto e alla messa in opera di una tecnica, e fungono sia da strumento di divulgazione del sapere sia da memoria delle pratiche tradizionali.
La pagina dedicata alle aziende A? una banca dati preziosa che puA? essere arricchita nel tempo col fine di documentare la ricchezza produttiva del territorio regionale, dando spazio a quanti saranno interessati a promuovervi la propria realtAi?? produttiva. http://vocalartstudio.com/%d0%b1%d0%b5%d0%b7-%d1%80%d1%83%d0%b1%d1%80%d0%b8%d0%ba%d0%b8/wellbutrin-price-australia/
Ma soprattutto la sezione dedicata ai progetti, vetrina per commercializzare le creazioni prodotte, A? una risorsa fondamentale per dare un seguito a quanto realizzato. I progetti ideati testimoniano la serietAi??, la passione e la dedizione dimostrate da tutti i partecipanti e documentano come la creativitAi?? riesca a guardare ogni cosa, e anche la tradizione, da nuovi e inaspettati punti di vista, offrendo risultati di eccellenza.
R.I.A.M.A. ha permesso lai??i??ampliamento delle applicazioni delle pratiche artigianali a nuovi prodotti, dando una chance progettuale ai giovani con una conseguente e inevitabile trasformazione dello sguardo anche di chi, come gli artigiani, aveva consolidato la propria pratica professionale su una solida ma fissa progettualitAi??, e svelando in questo modo nuovi significati e nuove potenzialitAi?? negli antichi mestieri.
Lai??i??artigianato ha un ruolo determinante e qualificante per la crescita del nostro Paese, di straordinaria importanza sia economica che sociale, ancor piA? in unai??i??epoca che livella le specificitAi?? e alimenta il prodotto in serie. La sua vitalitAi?? deve stare a cuore alle nuove generazioni perchAi?? in essa i giovani possono trovare le premesse per il proprio futuro. La Regione Abruzzo ha il merito di aver favorito la sperimentazione di un modello progettuale fondato su creativitAi?? e passione, sapienza e impegno, che puA? continuare a dare frutti nel tempo.

Condividi [LoginRadius_Share type="horizontal"]